Come lanciare un nuovo brand? 5 consigli per partire col piede giusto

Come lanciare una start up - Digital Followers

Trasformare la tua idea e il tuo prodotto in un “Brand” è la cosa migliore che potresti fare per il tuo business. Soprattutto se sei in procinto di lanciarne uno.

Un brand costruito a puntino ti consente di differenziarti dai concorrenti del settore con un’immagine unica e un’identità che si muove in empatia col tuo potenziale target di riferimento.

Ma lanciare un brand da zero può rivelarsi davvero difficile, soprattutto quando sei una startup con risorse limitate.

Potresti essere tentato di accelerare il processo di ingresso nel mercato per iniziare a vendere i prodotti il più rapidamente possibile, ma il modo in cui presenterai per la prima volta la tua azienda o attività ai tuoi potenziali clienti potrebbe avere un enorme impatto sulle future vendite. Questo perché, come ben sai, si ha solo un’occasione per fare una prima buona impressione. E quella prima impressione, se non è positiva, sarà davvero difficile da migliorare.

Ecco perché in questo articolo parliamo di come adottare una mentalità lungimirante, stabilire una strategia e preparare in modo efficace il tuo lancio. Tutto ciò che serve è seguire i cinque “semplici” passaggi che trovi nelle prossime righe.

Passaggio 1: l’entusiasmo di iniziare è positivo, ma non la fretta. Fai analisi prima di esporti

Lo so, hai un prodotto o un servizio bellissimo e non vedi l’ora di partire. Immagini già quanto sarà bello guadagnare grazie alla tua idea, ricevere consensi, approvazione, e poter finalmente dimostrare a chi non ci credeva o a chi ti diceva di lasciare perdere, che invece ce l’hai fatta.

Lo capisco, io per primo devo trattenermi, respirare e aspettare un attimo, prima di lanciare un nuovo servizio marketing per la mia azienda. Ma un imprenditore è come uno scacchista: studia una strategia a medio-lungo termine e solo dopo fa la sua mossa.

Parliamoci chiaro: c’è molto di più nel lancio di un brand che semplicemente sfoggiare un nuovo logo o dire alla gente che hai aperto, che adesso ci sei anche tu.

Molti imprenditori che ho conosciuto in questi anni soffrivano della stessa malattia: la fretta. Una sorta di viscerale necessità di mettere in produzione il prodotto da loro ideato ancora prima di aver capito se, là fuori, ci fosse qualcuno interessato ad acquistarlo.

La parola chiave per iniziare col piede giusto è: analisi.

Analizza la tua offerta, le sue potenzialità, i suoi punti deboli. Comprendi davvero in cosa si differenzia rispetto alla concorrenza e perché il pubblico dovrebbe scegliere la tua soluzione anziché un’altra.

A volte bastano poche settimane dedicate all’analisi per salvare i tuoi risparmi.

Quanto più rapidamente inizi ad analizzare, tanto prima riuscirai a identificare potenziali problemi prima che danneggino la reputazione della tua azienda.

Passaggio 2: conosci il tuo pubblico

Il brand è la reputazione, l’identità e l’anima di un’azienda. I marchi di maggior successo sono quelli che creano empatia con i loro clienti a un livello più profondo, condividendo valori, credenze e obiettivi comuni.

Più conosci il tuo pubblico, più puoi progettare un brand capace di generare l’atmosfera emotiva adatta non solo durante il lancio ma per tutta la vita della tua azienda, stabilendo relazioni di lunga durata tra il tuo consumatore e i tuoi prodotti/servizi.

Quindi, come conoscere chi è il tuo target, cosa fa, cosa desidera ottenere e cosa vuole trasformare della sua situazione attuale (grazie al tuo prodotto/servizio)?

  • Analizza chi è il tuo acquirente ideale. Cerca di delineare con la massima precisione il ritratto del tuo cliente-tipo. Questo identikit sarà sempre una risorsa importante nella tua strategia di marca, perché ti indicherà come parlare la lingua del tuo pubblico, dove trovarlo e come migliorare il coinvolgimento verso la tua offerta. “Chi si somiglia si piglia”, no? Ecco perché il tuo brand deve parlare la stessa lingua e credere negli stessi valori del tuo pubblico di potenziali clienti ideali.
  • Comunica nei posti giusti e sii coerente. L’identikit del tuo target, se fatto bene, ti dirà anche dove i potenziali clienti trascorrono la maggior parte del loro tempo: seguono blog? se sì, quali? Che programmi tv preferiscono? Quali sono le loro passioni affini al tuo prodotto? Utilizzano Facebook, Instagram o LinkedIn? Questo ti servirà per capire dove investire le tue energie di comunicazione. Ricorda inoltra di mantenere sempre “coerenza multicanale“. Ad esempio, non mostrare il tuo nuovo logo su Instagram ad aprile e poi annunciarlo sul tuo sito Web in agosto 😉
  • Coinvolgi il tuo pubblico. Durante il lancio, non limitarti a dire ai tuoi potenziali clienti “ora c’è questo nuovo brand, è bellissimo, fidatevi”. Rendili partecipi e inizia già a creare un dialogo con loro. Ad esempio potresti chiedere cosa ne pensano del tuo logo, se gli piace il nome del marchio e cosa si aspettano di trovare nel tuo sito. Coinvolgere il tuo pubblico fin dall’inizio è un ottimo modo per iniziare a costruire una community per il tuo business.

Step 3: Considera il lancio solo come il 1° capitolo della tua (lunga?) storia

I brand di successo diventano “di successo” anche perché, oltre a ottimi prodotti ed eccellente servizio al cliente, riescono a creare affinità con il loro pubblico, arrivando a trasformare gradualmente anche i clienti “mordi e fuggi” in sostenitori fedeli nel tempo.

Dato che i clienti di oggi desiderano sviluppare relazioni più forti con i loro brand preferiti, il modo più semplice per prepararsi al successo è considerare il lancio della tua startup come un capitolo importante di una narrativa aziendale più ampia.

Passaggio 4: il “momento giusto” è tutto. Pianifica bene.

Il tempismo è importante tanto nella vita quanto nel mondo degli affari. Crea un prodotto troppo tardi (o troppo presto) e potresti perdere l’occasione di introdurti con forza nel mercato.

Quando lanci un brand, la tempistica consiste nell’assicurarti di condividere le informazioni giuste con le persone giuste nei momenti migliori.

Stabilire una pianificazione di lancio potrebbe sembrare abbastanza semplice, ma diventa molto più complesso se si considera quanti canali e quanti diversi approcci si possono utilizzare ogni giorno per connettersi con il proprio pubblico: dalla cartellonistica al materiale marketing, dai canali social al tuo e-shop, ogni attività non può essere svolta senza un preciso calendario editoriale da seguire passo passo.

Valutare e quindi pianificare cosa fare e quando farlo ti aiuterà a svelare un brand chiaro e coerente, sicuro di sé e ben definito (anche ai tuoi occhi… e non è così scontato!) anziché un brand incerto che sembra ancora “in costruzione”.

Passaggio 5: resta in pista, hai appena iniziato a ballare

Un lancio ben fatto è solo l’inizio della strategia del tuo brand.

Il lancio è il primo passo verso la tua nuova identità e il percorso che ti attende prevede infinite opzioni per coinvolgere, condividere e comunicare con i tuoi clienti al fine di diffondere il tuo messaggio a nuove persone.

Nonostante il lancio sia la base di partenza per ogni attività di marketing, la creazione di contenuti e la crescita sui social sono le reali attività di comunicazione su cui investire oggi.

Insomma, dopo il lancio non riposare sugli allori. Non pensare che il grosso è stato fatto e che d’ora in poi tutto procederà in automatico. Magari! 😉

Un brand non è solo un nome, un logo o un sito Web: è un’entità dinamica e in continua evoluzione che richiede attenzioni costanti per restare in vita. E per vivere a lungo, e al meglio.

Commenti