Posizionamento del brand: i 4 step da seguire

Brand Positioning strategia - Digital Followers

In questo mondo ipercompetitivo, in cui migliaia di brand cercano di superarsi a vicenda per catturare l’attenzione e l’interesse del pubblico, il posizionamento della marca (Brand Positioning) è la vera strategia fondamentale per entrare concretamente nella mente dei tuoi clienti e ritagliarti uno spazio tutto tuo.

Entrare nella mente, ossia nei pensieri e nei ricordi (positivi) delle persone è l’unica via per far non solo conoscere, ma anche preferire e poi scegliere a spada tratta i tuoi prodotti o servizi rispetto a quelli della concorrenza.

Oggi vediamo cosa significa posizionamento del brand, perché è importante e come trovare una strategia di posizionamento efficace per il tuo brand.

Cos’è e perché parliamo di posizionamento del brand?

L’idea alla base del posizionamento del brand è identificare una nicchia di mercato che una marca possa coprire. Questo avviene attraverso un processo atto a creare uno spazio da presidiare nel tempo nella mente e nei ricordi dei potenziali clienti.

Si tratta di studiare e comunicare un’immagine, un’impressione, una sorta di “personalità” tramite cui associare specifici attributi desiderabili al proprio brand, dando vita a una voce univoca che aiuti a distinguersi nel mercato.

In sostanza, il posizionamento del brand è uno strumento che definisce ciò che vuoi che i clienti sentano quando pensano alla tua marca. Ecco perché questo strumento dovrebbe guidare ciascuna attività di marketing che lavora al contatto con il cliente.

Perché è importante?

Il posizionamento del brand è fondamentale per modificare le preferenze dei consumatori ed è anche

“direttamente collegato allo sviluppo della fedeltà dei clienti, al valore del marchio basato sul consumatore e alla volontà di acquistare il marchio”

, secondo The Branding Journal.

Avere una solida strategia di posizionamento di marca aiuta ad allineare e integrare le decisioni di marketing, ricordando all’azienda chi sono i suoi clienti e perché dovrebbero scegliere il suo marchio.

Ecco i primi 4 step per come creare una strategia di posizionamento del marchio:

1. Identificare un pubblico specifico

Cercare di essere la scelta migliore per chiunque è tempo sprecato. Quello che offri non può andare bene per tutti sempre e comunque. Sei d’accordo? Ecco perché è necessario identificare un segmento specifico del mercato per cui potresti potenzialmente essere il miglior fornitore.

La Nike, per esempio, ha scelto di concentrarsi sui consumatori che erano alla ricerca di ispirazione per iniziare uno stile di vita attivo, piuttosto che puntare semplicemente su quelli che già si esercitano regolarmente. Si è rivelata un’idea geniale. Lo slogan che si è evoluto dalla sua strategia di posizionamento del marchio, “Just do it” (“Fallo e basta”), è oggi forse ancora più potente rispetto a tre decenni fa.

2. Comprendi la tua concorrenza

Per stabilire una vera differenziazione, è necessario avere una chiara comprensione dei concorrenti: come sono posizionati nel mercato, quali vantaggi offrono al cliente e come mettono in pratica tali promesse.

Avere un confronto di base sia del tuo posizionamento che dei tuoi concorrenti ti consente di identificare la tua unicità nel mercato.

3. Creare una dichiarazione di posizionamento del marchio (uno “statement”)

Una dichiarazione di posizionamento del marchio è composta da 4 elementi di base:

  • Target: una breve descrizione comportamentale e demografica del mercato che desideri attrarre
  • Definizione del mercato: in quale categoria si posiziona il tuo marchio
  • Promessa del marchio: il vantaggio più convincente del tuo brand (emotivo / razionale) per il tuo mercato di riferimento rispetto ai tuoi concorrenti
  • Motivazione: la prova convincente che il tuo marchio può mantenere le sue promesse verso il consumatore

Una volta identificati questi 4 elementi, crea la dichiarazione di posizionamento del tuo brand utilizzando il seguente modello:

Per [clienti], [brand] è la [definizione del mercato] che offre [promessa del marchio] perché solo [brand] è [motivazione].

Ad esempio, la dichiarazione di posizionamento di Volvo potrebbe essere:
“Per le famiglie di lusso, Volvo è l’automobile di famiglia che offre la massima sicurezza”.

4. Valuta la tua dichiarazione di posizionamento del brand

Puoi testare la bozza del tuo statement o posizionamento del brand rispondendo a queste domande:

  • Ti differenzia dai tuoi concorrenti?
  • Si concentra sul tuo principale mercato di riferimento?
  • Permette una crescita?
  • Presenta il valore unico per i tuoi clienti?
  • Il tuo marchio promette qualcosa di credibile e realistico?
  • È facile da capire?
  • È coerente in tutte le aree della tua attività?
  • È difficile da copiare?
  • Resisterà ai contrattacchi dalla concorrenza?
  • Aiuterà il tuo brand a creare decisioni di marketing e di branding più efficaci?

Se trovi che la tua azienda risponde affermativamente alla maggior parte di queste domande, allora sei sulla buona strada per costruire un grande marchio. Per qualsiasi dubbio o curiosità, lascia un commento oppure contattaci!

Commenti