Psicologia del prezzo e pricing table

Tempo di lettura: 2 minuti

Il prezzo è un tasto dolente? Non per forza!

Lo diventa solo nel momento in cui ti ostini a non volerlo pubblicare, a non dichiararlo, perché è proprio in questo modo che porti i tuoi potenziali acquirenti a dargli eccessiva importanza. Quindi non nascondere il prezzo, anzi: rendilo bene evidente all’interno del tuo sito.

Ma come farlo in modo intelligente?

Una buona regola è mettere in rilievo i vantaggi e i benefici della tua offerta, e solo in seguito mostrare il prezzo, in modo da renderlo più morbido, persuasivo e di certo giustificato a fronte dei diversi vantaggi che derivano dall’acquisto.

Un altro espediente efficace per far digerire meglio il prezzo al tuo target è organizzare i prezzi dal più costoso al meno costoso, invogliando all’acquisto secondo la logica del “posso ottenere parecchio pur pagando il prezzo più basso”.

Cura il copy delle offerte

utilizza nomi che diano l’idea di una crescita man mano che il prezzo sale, di una progressione professionale in base all’offerta scelta:

Metti in evidenza l’offerta centrale

La via di mezzo è psicologicamente la scelta più sicura: le persone tendenzialmente non vogliono spendere né poco né tanto, ma quel giusto che permetta loro di testare la qualità del prodotto/servizio senza però spendere eccessivamente:

Evidenzia le features

Sottolinea quelle che si ottengono e quelle che mancano variando la scelta del piano:

Curando al meglio il design dei prezzi, potrai giustificare in pochi attimi all’utente perché quel prodotto o servizio hanno proprio quel prezzo e, attraverso colori e copy persuasivo, potrai anche guidarli verso l’acquisto più vantaggioso per te (che non sempre corrisponde alla fascia di prezzo più elevata).

Commenti

Psicologia del prezzo e pricing table