[Un brand in 30’] Milka, la fabbrica di cioccolato che “osa essere tenera”

L’Ottocento è stato un secolo meraviglioso per gli amanti del cioccolato: è il 1880 quando Carl Russ Suchard fonda a Lörrach la prima fabbrica di cioccolato al di fuori della Svizzera.

Il latte non è ancora utilizzato come ingrediente nelle tavolette di cioccolato, dobbiamo aspettare il 1901 per l’invenzione della prima tavoletta di cioccolato al latte, resa possibile grazie alla messa a punto del processo di condensazione del latte. Il 24 Aprile 1901 Milka viene registrato come marchio.

Milka inizia subito ad essere venduto in Svizzera, Austria, Germania in seguito anche alla decisione di Carl di “democratizzare” il cioccolato, fino ad allora venduto solo in farmacia e riservato alle élite.

Il nome deriva dall’intuizione di combinare il termine “milk” (latte) e “cocoa” (cacao), a testimonianza della grande sensibilità di Russ-Suchard per il mercato e le leve del marketing. Egli avverte sin da subito l’importanza di battezzare la tavoletta di cioccolato al latte con un nome univoco e riconoscibile rispetto alla società Suchard. Infatti, se all’inizio il nome Suchard compare in evidenza nelle comunicazioni pubblicitarie, col passare del tempo il suo ruolo si fa via via più marginale, fino a lasciare al brand name Milka l’intera scena e scomparire del tutto nel 1987.

La natura, la Svizzera, la montagne e le mucche fanno parte dell’atmosfera emotivamente positiva legata al brand. Elementi che, a partire dal 1988, diventeranno onnipresenti nella grafica del packanging delle tavolette.

Il brand name Milka si apre con la morbidezza della M, prosegue con la musicalità della “i” e si chiude con l’apertura invitante della “a”. La consonante “k” bilancia la dolcezza, apportando ritmo e robustezza, esattamente come quando si spezza una tavoletta di cioccolato al latte. Ed è proprio il latte che nel nome Milka viene sottolineato e riportato alla mente nei principali paesi anglosassoni. Per la semplicità di pronuncia, di scrittura e di memorizzazione, questo nome è un esempio da seguire per la sua spiccata vocazione all’internazionalità.

Il colore lilla è diventato a sua volta un elemento caratterizzante del brand: dal 1971 (anno della messa in onda del primo spot televisivo) la comunicazione fa bella mostra della riconoscibilissima “mucca viola della Milka”, assieme al claim “Milka, la più tenera tentazione”. Risale al 1973 il primo spot tv con la mucca viola protagonista.

In Italia Milka arriva nel 1987 accompagnata dal claim “il lilla che invoglia”, che entra in tutte le case.

Dal 2011 la nuova campagna di comunicazione Milka ci suggerisce: “Osa essere tenero”, in un continuo ampliamento di gamma che rallegra di certo i palati dei più golosi (tra cui quello della sottoscritta), anche grazie al suo legame con famosi marchi di biscotti e cracker, tra cui Tuc e Oreo.

Milka è oggi il cioccolato più venduto al mondo.

Commenti